PCTO Percorsi per le Competenze Trasversali e per l'Orientamento

CLICCA PER ENTRARE NELL'AREA DEDICATA DEL MIUR

 

     TRIENNIO 2017-2020     TRIENNIO 2018-2021     TRIENNIO 2019-2022

 

   FORMAT, DOCUMENTAZIONE, PROCEDURE, RIFERIMENTI NORMATIVI

All'inizio dell'anno scolastico il docente coordinatore di classe (o il docente referente) scarica e stampa una copia del PATTO FORMATIVO STUDENTE (scarica qui) per ogni studente e lo consegna a questi. Gli studenti lo portano a casa, lo compilano in ogni sua parte insieme ai genitori, lo firmano e lo consegnano al docente coordinatore di classe (o al docente referente). Questi raccoglie tutti i patti formativi, controlla attentamente la completezza e congruenza dei dati riportati e provvede all'archiviazione.   

La SCHEDA PROGETTO E VALUTAZIONE DEI RISCHI (scarica qui) contiene informazioni importanti del percorso. E' da compilarsi a cura del tutor scolastico interno con la supervisione, la discussione e l'approvazione del Consiglio di Classe. Una copia di tale scheda va consegnata alla DSGA e una copia al referente. Nella scheda progetto saranno indicati anche i profili degli esperti interni ed esterni necessari. Si ricorda che l'individuazione di tali esperti deve essere svolta rispettando le norme di legge. Pertanto l'esperto interno è individuato in base alla valutazione dei titoli e dei requisiti dei vari candidati appartenenti al corpo docente della scuola. L'esperto esterno può essere individuato direttamente tra il personale (alle dirette dipendenze) della struttura esterna qualora le competenze e le professionalità necessarie siano reperibili solo all'interno della struttura esterna stessa, altrimenti l'individuazione dovrà essere operata solo in seguito a bando. Si ricorda ai tutor interni che gli esperti potranno iniziare la loro attività solo dopo che saranno state firmate e protocollate le nomine/incarichi e prodotta la necessaria documentazione richiesta dal DSGA. Il DSGA è la figura a cui rivolgersi per i chiarimenti.      

ll tutor scolastico interno, dopo aver compilato la CONVENZIONE (scarica qui) tra la scuola e la struttura esterna, allegherà a questa la SCHEDA PROGETTO E VALUTAZIONE DEI RISCHI, provvederà a far apporre le firme del Dirigente Scolastico e del Rappresentante Legale dellla struttura esterna. E' preferibile che la apposizione della firma di quest'ultimo sia fatta presso la scuola e che vengano presi gli estremi di un documento di riconoscimento. Il tutor interno provvederà quindi all'invio al protocollo, provvederà a farne  una copia e a consegnarla al referente. Tali compiti, nel caso il tutor interno non sia stato ancora designato o nel caso di convenzioni riguardanti più classi, saranno svolti dal coordinatore di classe o dal referente.

La SCHEDA VALUTAZIONE STUDENTE costituisce lo strumento per la valutazione degli apprendimenti e la certificazione delle competenze sviluppate; può essere acquisita negli scrutini intermedi e finali degli ultimi 3 anni. In tutti i casi tale certificazione deve essere acquisita entro la data dello scrutinio di ammissione agli esami di stato e inserita nel curriculum dello studente. Sulla base della suddetta certificazione il Consiglio di Classe procede alla valutazione degli esiti dei pertcorsi e alla loro ricaduta sugli apprendimenti disciplinari e sul voto di condotta e alla attribuzione dei crediti. Le schede valutazione studente vanno raccolte e allegate al verbale dello scutinio; in alternativa tali schede possono essere archiviate negli appositi raccoglitori predisposti presso la segreteria per non appesantire il registro dei verbali. Il docente referente mette a disposizione, su richiesta, un format di SCHEDA VALUTAZIONE STUDENTE.

Per quanto riguarda la frequenza, ai fini della validità dei percorsi, è necessaria la frequenza di almeno 3/4 (75%) delle ore svolte. A tale proposito i coordinatori di classe, in collaborazione con i tutor scolastici interni, avranno cura di inserire ogni anno, in piattaforma ARGO, le ore svolte da ciascun studente e di stampare un riepilogo ore svolte da allegare al verbale dello scrutinio; in alternativa tali riepiloghi possono essere archiviati sempre negli appositi raccoglitori predisposti presso la segreteria. Di volta in volta, ma soprattutto all'ultimo anno, il cooordinatore di classe accerterà per tempo la presenza di studenti che non raggiungono la frequenza necessaria e avviserà il Consiglio di Classe per le opportune azioni di recupero e integrazione.

ESAMI DI STATO. All'interno del colloquio trovano spazio anche i percorsi per le competenze trasversali e per l'orientamento. Il colloquio è volto ad accertare il conseguimento, da parte dei candidati, da quanto previsto dal profilo culturale, educativo e professionale degli studenti. I candidati potranno:

- analizzare testi, documenti, esperienze, progetti, problemi affinchè la medesima (commissione) verifichi l'acquisizione dei contenuti e dei metodi propri delle singole discipline, la capacità argomentativa e critica del candidato;

- esporre, mediante una breve relazione e/o un elaborato multimediale, l'esperienza.

Si ricorda a tale proposito che tutti i documenti riguardanti tali percorsi sono e devono essere archiviati per la consultazione negli appositi faldoni in segreteria (il referente è a disposizione per tutti i chiarimenti e gli ulteriori riferimenti). La memoria di quanto svolto nei precedenti anni scolastici e in quello in corso è riportata nella presente sezione (consultabile da tutti all'inizio e alla fine di questa pagina WEB) e in piattaforma ARGO (consultabile dai soli coordinatori di classe).

In attesa di guide operative aggiornate, la GUIDA OPERATIVA (scarica qui), pubblicata dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca l'8 ottobre 2015, costituisce un utile "manuale" per la progettazione dei percorsi, per guidare passo dopo passo dirigenti scolastici e  docenti, dall’ideazione del progetto al momento del monitoraggio finale.

CHIARIMENTI INTERPRETATIVI 28/03/2017 (scarica qui) relativi all'Alternanza scuola lavoro sono pubblicati in risposta ai quesiti più frequenti pervenuti dalle Istituzioni scolastiche, dalle famiglie e dagli stakeholder della scuola, sulla base dei seguenti PRINCIPI DI RIFERIMENTO DEI CHIARIMENTI INTERPRETATIVI (scarica qui).

Regolamento recante la CARTA DEI DIRITTI E DEI DOVERI DEGLI STUDENTI IN ALTERNANZA (scarica qui) indica le modalità di appplicazione della normativa per la tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro.

Le RISPOSTE AI QUESITI ASL NOTA ESPLIC. 7194 DEL 24/04/2018 (scarica qui) forniscono ulteriori risposte a quesiti in materia di attività di alternanza scuola lavoro.

 

LAVORI E PRESENTAZIONI

A.S. 2016/2017 1a H

 

ATTIVITA' DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO TERMINATE

TRIENNIO 2015-2018    TRIENNIO 2016-2019